mercoledì 4 aprile 2018

Dall'Altopiano delle Manie alla Colla di Magnone





Percorso ad anello che dall'Altopiano delle Manie porta alla Colla di Magnone, passando per l'Arma delle Manie e l'antica via romana Julia Augusta.


NOTE TECNICHE

Partenza e Arrivo: Altopiano delle Manie (Finale Ligure-Noli)
Dislivello: 250m circa
Tempo Percorrenza: 2h,30-3h
Difficoltà: T/E
Segnavia: paline - "2 quadrati rossi" - cerchio rosso pieno - cerchio rosso sbarrato - n.6 dei sentieri di Noli
Cartografia  Studio Naturalistico EdM SV3


Accesso stradale
Da Finale Ligure/Finalpia: prima della galleria di Capo S. Donato, si svolta per Calvisio-Vezzi Portio. Poco dopo si prende la S.P. 45 che conduce sull'altopiano delle Manie. L'itinerario inizia davanti  al Ristorante "Ferrin".
Da Noli provenienti da Savona: appena dopo la galleria artificiale di Punta Vescovado si prende la strada in salita sulla destra (Via De Ferrari) che con diverse svolte porta in località Voze. All'incrocio si va a sinistra sino a raggiungere il Ristorante Ferrin.





Itinerario
Di fronte all'ingresso del ristorante Ferrin (297m), si imbocca una sterrata (indicazione "Osteria del Bosco") che con comodo percorso in zona boscosa porta alla Chiesina di S. Giacomo.
Qui si svolta a destra, e su asfalto si arriva in breve alla trattoria "La Grotta", presso il nucleo di case dell'Arma delle Manie.

Con breve deviazione sulla sinistra, si può visitare il grande antro naturale dell'importante sito di interesse archeologico. E' una delle più ampie grotte del Finalese, abitata dall'uomo preistorico sin dal Paleolitico

Ritornati al nucleo abitativo, si prende il sentiero contrassegnato dal segnavia "2 quadrati rossi" che scende nella boscosa Val Ponci, sbucando presso uno degli antichi ponti romani (ponte delle Voze o Ponte Muto)
Ci si trova sull'antica via romana Julia Augusta, risalente al 1 secolo a.C.
Si prosegue  su quest'ultima a destra (segnavia "cerchio pieno rosso"),  arrivando in breve presso Ca du Puncin dove si trova un altro antico ponte romano, il  "Ponte dell'Acqua".
Si risale ancora la Val Ponci, su supera la zona di un ultimo antico ponte romano, il Ponte di Magnone, ormai inglobato nella vegetazione e difficilmente individuabile, sino a prevenire alla Chiesina  della Colla di Magnone (315m).




Da qui si prosegue brevemente a destra sulla strada asfaltata, contrassegnata dal segnavia "cerchio barrato rosso", che diventa poi sterrata, piega poi a sinistra innalzandosi leggermente sino ad arrivare ad un importante bivio, poco distante dal panoramico Bric dei Monti (410m)

Al bivio  si va a destra seguendo, oltre al segnavia cerchio sbarrato, anche il segnavia n. 6 dei sentieri di Noli.

Si percorre ora una larga sterrata che con lunga discesa porta nell'ampia zona prativa nelle vicinanze della Grotta dell'Andrassa (tabellone indicativo) e successivamente, dopo aver curvato a sinistra, con successiva salitella arriva ad una zona recintata.  Con una deviazione sulla destra, si prende un sentierino (n.6 dei sentieri di Noli) con il quale si arriva sulla strada asfaltata delle Manie.

Si segue quest'ultima a destra ed in circa 1 km e si fa ritorno al punto di partenza.