martedì 6 ottobre 2015

Al Rifugio Savona, Monte Berlino e Monte Grosso dalla Colla di Casotto






Facile itinerario per il Rifugio Savona, con possibilità di salita  alla soprastante panoramica dorsale costituita dal Monte Berlino e dal Monte Grosso.


NOTE TECNICHE

Partenza e arrivo: Colla di Casotto
Dislivello:  300m circa per il Rif. Savona - 600m circa per il Monte Grosso
Tempo di percorrenza: 1h,15'
Segnavia: assenti
Difficoltà: E
Cartografia: IGC n.15 Alassio Albenga Savona

Accesso stradale
Dal casello autostradale di Ceva si risale la Val Tanaro sino a Garessio. Al termine dell'abitato si svolta a destra e dopo lungo tratto in salita si raggiunge la Colla di Casotto, dove si trova la stazione sciistica di Garessio 2000. Spazi di posteggio per l'auto nei pressi dell'ex albergo "Baita dei Castori".






Itinerario

L'itinerario inizia presso il cancello d'accesso all'ex albergo  "Baita dei Castori" (1379m).
Superato il cancello tramite ad un agevole varco laterale, si attraversa l'ampio spiazzo antistante la struttura, ormai in stato di abbandono, sino ad imboccare un'evidente strada sterrata che si inoltra in faggeta.
Ignorata una prima deviazione a sinistra, la strada si innalza decisamente, procedendo costantemente in zona boscosa.
Occorre seguire attentamente l'ampia sterrata principale, ignorando ogni deviazione laterale che, alternando ripidi tratti in salita a brevi tratti pressochè pianeggianti, sbuca in ultimo su di una colletta prativa. Bel panorama sulla catena dell'Antoroto e sul sottostante Rifugio Savona (1600m).
Per raggiungere quest'ultimo non resta che seguire l'evidente stradella che in leggera discesa taglia diagonalmente il pendio.

Dalla colletta prativa, anzichè raggiungere il Rifugio Savona, si può prendere un'ulteriore stradello che risale a destra il pendio erboso per terminare, dopo breve percorso, sulla sommità del Monte Berlino (1750m - rudere di una vecchia costruzione per gli impianti sciistici).
Da qui, seguendo a sinistra altro stradello che corre appena sotto il crinale, si arriva in circa 30' nei pressi della Bassa di Peirabruna, insellatura che si apre tra il M. Grosso ed il M. Mussiglione, nonchè punto di arrivo di impianti sciistici.
Si ignora il proseguo dello stradello che poco oltre si abbassa, per deviare a sinistra e dopo aver attraversato una zona pascoliva e successive tracce di sentiero tra gli arbusti, si raggiunge la panoramica sommità prativa del Monte Grosso (2008m) (quest'ultimo tratto risulta difficoltoso nell'individuare la giusta traccia da seguire).

Dalla Bassa di Peirabruna, piegando a destra per esili tracce di sentiero, si raggiunge in circa 15' il Monte Mussiglione. La sommità è formata da due elevazioni: a sud-est la Cima Praietto (1932m) ed a nord-ovest il Becco di Mezzodì (1947m).

Dalla Bassa di Peirabruna lo stradello scende con numerosi tornanti sull'ampia conca dell'Alpe di Peirabruna, dove sorge il Rifugio Manolino.

Itinerario di ritorno

Si ripercorre la strada dell' andata sino al vecchio rudere sul Monte Berlino.
Da qui si prende l'ampia strada sterrata di servizio per gli impianti sciistici, che scende lungamente e costantemente con ampi tornanti, e che termina alla Colla di Casotto, davanti alcomprensorio di Garessio 2000.