mercoledì 13 febbraio 2013

Laghi di Fremamorta

Escursioni da Terme di Valdieri



Laghi di Fremamorta
dal Gias delle Mosche

La salita alla valletta sospesa dei Laghi di Fremamorta, ritenuta il miglior balcone panoramico delle Alpi Marittime

NOTE TECNICHE

Partenza e arrivo: Gias delle Mosche
Dislivello:  850m circa
Tempo di percorrenza in salita: 2h,45/3h
Difficoltà: E
Segnavia: paline -segni di vernice
Cartografia: I.G.C. n.8-Alpi Marittime e  Liguri





Accesso stradale
Da Cuneo si raggiunge Borgo S.Dalmazzo. Ci si inoltra sulla strada per la Valle Gesso, si supera Valdieri, poi S.Anna e si arriva alle Terme. Si prosegue aggirando lo stabilimento termale e ad un bivio si prende la strada che sale a sinistra e diventa poi sterrata. 
La si percorre sino allo slargo del Gias delle Mosche (1569m-3,5 Km dalle Terme).
Per visualizzare l'accesso stradale utilizza Google Maps sulla barra laterale

Itinerario
Seguendo le segnalazione della palina indicativa, si scende a destra della strada, per poi attraversare il torrente su di un ponte in legno.
Si prosegue poi a sinistra, costeggiando brevemente il corso d'acqua, per prendere un sentierino che si innalza con una serie di svolte.

A quota 1730 circa, confluisce su questo la vecchia mulattiera di caccia proveniente dalle Terme, attualmente non più percorribile perchè franata in diversi punti.

Si continua a salire tra larici e abeti sino a superare un costone, dopodichè si prosegue a mezza costa con una lunga diagonale.
Si supera poi una pietraia ed un piccolo corso d'acqua, per riprendere ulteriormente a salire con vari tornanti, sino a sbucare sul margine della conca del primo dei Laghi di Fremamorta (2359m-2h,30/2h,45 dal Gias delle Mosche).


Presso i ruderi di alcune casermette, il sentiero confluisce sull'ampia mulattiera ex-militare, che collegava le postazioni della zona con quelle della Valscura.
Si va a sinistra, costeggiando il lago si raggiunge in breve la sponda del secondo, il mediano e più piccolo dei laghi di Fremamorta, sovrastato dalla Cima di Bresses.
Proseguendo ancora oltre,  si arriva al Bivacco Guiglia (2420m). Splendido il colpo d'occhio sulla serriera dell'Argentera.
Si continua ancora sino a raggiungere il lago superiore, il più grande e quello successivo, laterale, di minori dimensioni.
Il ritorno avviene per la stessa via di salita.



Eventuale ritorno ad anello
(anno 2009- questo sentiero viene segnalato piuttosto dissestato)

Si fa ritorno al Lago di Mezzo.
Da qui si prende un sentiero (palina) che scende a destra, ed effettua diversi tornanti tra erba e roccette.
Attraversa poi una pietraia con grandi massi, scendendo ulteriormente con altri tornanti; per poi risalire leggermente sino ad una spalla.
Supera una deviazione a destra (per il Colle di Fremamorta) per riprendere a scendere, passa in un boschetto di ontani sino ad incontrare il sentiero per il Colle di Ciriegia.
Si va a sinistra sino ad arrivare ad attraversare il Torrente su di un ponticello e raggiungere così il Pian della Casa.
Seguendo la sterrata in circa 2,5 km si ritorna al Gias delle Mosche. (2h,30/3h circa).