venerdì 8 febbraio 2013

Anello del Monte Boveri da Ponte Livè

Escursioni da Savona






Nei boschi intorno a Savona.
Un vecchio percorso che dal Ponte Livè in Frazione Santuario, porta sull'antica strada sterrata Marmorassi - Naso di Gatto. 

NOTE TECNICHE

Partenza e Arrivo: Ponte Livè, Frazione Santuario di Savona
Dislivello: 250m
Tempo di percorrenza in salita: 1h,15/1h,30 - 2h/2h,30 completo
Difficoltà: E
Segnavia: "Triangolo rosso" (Vecchio, scolorito). Anche "freccia arancione" " 3 bolli rossi".
Cartografia: Studio Naturalistico-EdM SV2


Attenzione!:  Gli elementi della natura, il disboscamento intensivo e  l'abbandono dei sentieri, possono essere causa di mutamenti,anche sensibili, dello stato dei luoghi descritti


Accesso Stradale
Da Savona si raggiunge la Frazione di Lavagnola e da qui ci si dirige verso il Santuario. Si lascia l'auto poco prima del Ponte Livè.






Itinerario
Poco prima del Ponte Livè (75m), che attraversa il Torrente Letimbro, si prende a destra Via della Pizzuta ( segnavia FIE "triangolo rosso", alla base di un muretto).
N.B. Molte cartine indicano per questo itinerario  il segnavia "bollo rosso barrato", di fatto inesistente.
Poco più avanti, nei pressi di un palo della luce destra, si può notare il sentierino che sarà utilizzato per il ritorno.
Si continua  sulla caratteristica e stretta via, delimitata dai tipici muri a secco, sino ad un incrocio. Qui si va a destra, lungo il corso del Rio Pizzuta e si passa sotto l'imponente ponte della ferrovia.
Presso le successive segnalazioni dell'itinerario, occorre svoltare ancora a destra su di una stradella sterrata dal fondo compatto (Strada Mujè). 
Anche questa stradella segue il corso di un Rio per poi innalzarsi con salita costante sino nei pressi dell'ingresso di una Proprietà Privata (Case Boveri).

Qui, terminata la strada, si prende un sentiero che si inoltra nel bosco (indicato anche da "linee arancioni", di una competizione podistica"), curvando poi presso un rivo solitamente asciutto. 
Si risale poi tra pioppi, acacie e castani arrivando ad un bivio. Qui si prosegue in discesa sino ad un ulteriore rivo asciutto, al quale segue una leggera ulteriore salitella.
Con andamento a saliscendi si effettua un lungo mezzacosta che sfocia in zona inerbita, nei pressi di una vicina pineta ( Collettino - 220m).
A sinistra scende un sentierino che porta in breve al capolinea di Marmorassi(15' circa), e da qui al Ponte Livè.
Prima di arrivare al Collettino, si devia a sinistra su sentierino che si inerpica nelbosco e si inoltra tra alti arbusti di erica e roverelle (qui anche segni "bianco-verdi").
Il percorso prosegue poi in costa, con erta e continua salita, in alcuni tratti con andamento a zig-zag e con il superamento di alcuni vecchi alberi caduti.


In ultimo devia a sinistra, spiana leggermente sul fianco ovest del M.Boveri e confluise infine sulla larga strada sterrata Marmorassi - Naso di Gatto (325m), nei pressi della sommità del Monte Boveri (330m)  - 1h,30 dal Ponte Livè.
Chi volesse allungare ulteriormente il percorso, può proseguire a sinistra  arrivando in breve al bivio cosidetto "delle 2 strade" e poco oltre in località Schivà, al grande bivio con la strada proveniente da Savona Via Ranco (10' - segnavia "3 bolli rossi)
Continuando ancora sulla strada sterrata, si fiancheggia il Bric Schivà, ed in circa 20 minuti si arriva al Pilone Votivo della Madonnina del Crovaro.
A destra si trova la deviazione per Ellera e la salitella che porta alla sommità del M. Crovaro, dove è stato eretto un grande traliccio dell'elettricità.
Sulla sinistra un sentiero molto malridotto ed attualmente sconsigliabile, porta direttamente al Santuario.
La strada principale invece prosegue per la Loc. Naso di Gatto.




Ritorno ad anello
Per il ritorno ad anello, dalla zona del M. Boveri si segue l'ampia sterrata a destra (segnavia "3 bolli rossi") che nei pressi di Montepaggio diventa asfaltata e con successiva ripida discesa raggiunge la strada comunale di Marmorassi.
Da qui, bisogna proseguire a destra sulla strada comunale sino al suo termine, presso il capolinea dell'autobus.
Si individua quindi un sentierino dal fondo cementato, che dopo una breve discesa attraversa zone di coltivi e di arbusti, effettuando poi un lungo mezzacosta e superando alcuni brevi tratti in frana.
Si arriva così nella zona soprastante il Ponte Livè, verso il quale si scende con ultimo breve tratto ripido (1h dalle "2 strade" - Giro completo 2h,15-2h,30)