venerdì 23 novembre 2012

Al Rifugio Soria e Colle di Finestra

Val Gesso - Escursioni da S. Giacomo d'Entracque


 



NOTE TECNICHE

Partenza e Arrivo: S.Giacomo d'Entracque
Dislivello: 630m. al Rifugio - 1260m circa al Colle di Finestra
Tempo di percorrenza in salita: 2h,15/2h,30 al Rif. - 4h/4h,30 al Colle
Difficoltà: E
Segnavia: paline - segni bianco rossi del GTA
Cartografia: IGC n.8-Alpi Marittime e Liguri


 

Accesso
Da Cuneo si raggiunge Borgo S.Dalmazzo e da qui si imbocca la strada per la Valle Gesso.
Si supera Valdieri, successivamente si devia per Entracque e, poco prima di questa, si svolta per S.Giacomo.
Ampio posteggio (a pagamento) al centro della frazione. Qualche parcheggio libero all'intorno.
Per l'accesso stradale utilizza anche Google Maps sulla barra laterale



 
Itinerario
Ci si porta presso il bar ristorante Baita del Gelas ed al Rifugio Escursionistico (1226m - Paline indicative dell'itinerario).
Da qui si prende l'ampia strada sterrata che entrata in una faggeta, subito si innalza e con qualche tornante porta al di sopra della bella cascata del Gesso della Barra.
La strada prosegue in leggera salita, transita nei pressi del Gias Sterpis, quindi attraversa un rio con ulteriore cascata per poi raggiungere lo slargo del Garb della Siula, nei pressi dell'omonimo Gias (1450m).

La sterrata si eleva successivamente con ulteriore tornante, lasciando a sinistra la deviazione per il Gias della Siula, gratificando con una bella veduta sul massiccio del Gelas ed il suo ghiacciaio.

 

 
Con ulteriori svolte su strada più malridotta, si arriva poi  alla strettoia del Passo di Peirastreccia, dove un torrentello forma piccole cascatelle tra i massi (1630m - 1h,30 da S.Giacomo).
Si entra poi in una piccola conca, si effettua un lungo tornante (scorciatoia a sinistra), quindi dopo aver attraversato una zona di piccoli rivoli d'acqua  si arriva all'inizio del Pianoro del Praiet.
Sulla sinistra in alto è ben visibile il Rifugio Soria. Sulla destra, si trova la deviazione per il Passo di Fenestrelle, che mette in comunicazione con il Rif. Genova.
 
Successivamente si attraversa il corso d'acqua su di una passerella di legno, ci si inoltra nel vallone e dopo aver effettuato una grande curva a sinistra si arriva sul poggio dove sorge il Rifugio Soria - Ellena (1830m-2h,30').

 


Al Colle di Finestra (2471m-Disl.670 dal Rif. Soria- tempo di salita 2h,15/2h,30)

Nel punto in cui la mulatiera svolta a sinistra per il Rifugio, si prosegue ancora lungo il Vallone, in direzione del Colle di Finestra.
Con diverse svolte la stradina si eleva ulteriormente,  supera la deviazione a sinistra per il Laghetto della Maura e la Pera di Fener, poi prende ulteriormente quota su terreno detritico.
Si ignorano ulteriori deviazioni a sinistra, si supera una balza pietrosa e si arriva alla q.2060 circa, dove si può individuare, in prossimità di un grosso masso,  una traccia a sinistra segnalata da ometti di pietre, che porta in circa 10 ' al piccolo Lago del Praiet.
 
Continuando sul sentiero principale, con ultimi tornanti si raggiunge la casermetta  addossata alle rocce ed infine il Colle di Finestra (2471m - 1h,45/2h dal Rifugio).
Il valico, al confine con la Francia, si apre tra le Cime Est ed Ovest di Finestra, e si affaccia sul Lago ed il sottostante Santuario di Madone de Fenestre (raggiungibile in 1h,30 dal Colle).
 
Per la sua facilità di accesso e di comunicazione con la Vallèe de Vesubie, il valico  fu frequentato fin dall'antichità sia per gli scambi commerciali che per il transito di truppe.
Attraverso il valico, nel settembre1943, transitarono altresì centinaia di Ebrei in fuga dalla Francia occupata dai nazisti.


Le fotografie sul post sono di Franco Calderone (g.c.)