domenica 7 ottobre 2012

Ai Laghi e Passo dell'Ischiator

Valle Stura - Escursioni da Bagni di Vinadio

Dal Rif.Migliorero.  (vedi itinerario di salita)
Un'escursione tra bei laghi alpini sino al Passo dell'Ischiator, splendido "balcone" panoramico sui magnifici laghi francesi di Rabuons.

NOTE TECNICHE

Partenza e arrivo: Rif.Migliorero        
Dislivello: 789m
Tempo di percorrenza in salita: 2h,30'
Difficoltà: E
Segnavia: paline - tacche di vernice
Cartografia: IGC n.7 Valli Maira-Grana-Stura

Accesso stradale
Da Cuneo si raggiunge Borgo S.Dalmazzo.  Quindi si imbocca la strada della Valle Stura e si supera Demonte, poi Vinadio e si arriva a Pianche. Qui si volta a sinistra ed in circa 5 km si arriva a Bagni di Vinadio.
Dai Bagni si prosegue per la frazione Besmorello e da qui, per stretta stradina, sino alla zona oltre il ponte sul torrente Ischiator (c.d. Ponte delMedico) dove, prima della catena che sbarra la strada, si posteggia.

Per visualizzare l'accesso stradale utilizza anche Google Maps sulla barra laterale







Per raggiungere il Rifugio Migliorero vedi l'itinerario: http://leo-trekking.blogspot.it/2012/07/al-rifugio-migliorero.html




Itinerario
Dal Rifugio (2100m.), si scende ai  sottostanti Laghi Inferiori d'Ischiator (2064m.).
Si attraversano, grazie ad un percorso obbligato su grosse pietre e si prende una mulattiera che si dirige a risalire il prospiciente Vallone (paline).
Il percorso si snoda sulla parte destra, prendendo lentamente quota con diversi tornanti.
Dopo circa 45 minuti (q.2295 circa), si lascia sulla destra la deviazione per il Passo Laris, per superare in seguito, con alcune serpentine, una balza oltre la quale si trova la conca dei Laghi di Mezzo d'Ischiator (2410m. 1h,15 circa dal Rif.).

Seguendo la mulattiera si passa tra i due specchi d'acqua.
Ci si  innalza poi, con diverse svolte (qualche tratto rovinato), su di un pendio detritico e, superata infine una bastionata rocciosa,  si perviene alla conca del piccolo Lago Superiore d'Ischiator, racchiuso a sinistra  dalle aspre cime della Punta Gioffredo e del Corborant .(2755m.- ore 2,15 circa dal Rif.).

Si prosegue a destra per esile traccia su ripido pendio franoso, e dopo ultimi tornantini si raggiunge in circa 20' il Passo d'Ischiator (2843m.-palina).

Dal valico ( o da uno sperone poco più in basso), la vista si apre sul sottostante Circo di Rabuons, con il grande omonimo Lago situato tra due  promontori rocciosi.
Il ritorno al Rifugio avviene per lo stesso percorso di salita.