venerdì 30 marzo 2012

Il Sentiero Frassati alla Baiarda

Escursioni da Genova Voltri/Acquasanta

 
 


Un percorso panoramico nell'aspra zona rocciosa della Baiarda, dedicato al Beato Pier Giorgio Frassati.

NOTE TECNICHE

Partenza e arrivo: Acquasanta (Ge-Voltri), presso lo spiazzo antistante il Santuario
Dislivello: 550 m. circa
Tempo di percorrenza: 3h,30/4h anello completo
Difficoltà: E
Segnavia: "F" righe bianco-rosse
Cartografia: Studio Cartografico EdM




Per visualizzare la carta dettagliata della zona del percorso vedi:
Tavola GE-10   delle Mini MAPPE OUTDOOR ACTIVITIES di Giorgio Mazzarello
http://www.mappeliguria.com/ (su gentile concessione dell'Autore)

Accesso
All'uscita del casello autostradale di Genova Voltri si gira a destra sino all'inizio dell'abitato di Voltri. Ad un importante deviazione segnalata si prende per Ovada percorrendola per circa 2km, dopodichè si devia a destra sulla stradina che porta ad Acquasanta.
Si può posteggiare presso il santuario oppure presso la zona della stazione ferroviaria.
Per l'accesso stradale utilizza anche Google Maps sulla barra laterale

Itinerario
A lato del Santuario di Acquasanta (154 m.),  si prende una stradina che sale tagliando più volte la strada asfaltata, per terminare presso la Stazione Ferroviaria.
Si prosegue sulla destra sino al bivio dopo il ponte sul Rio Condotti, dove si volta sulla strada che sale a sinistra, diretta alla Colla di Prà.
Dopo alcuni trornanti, si prende la prima deviazione a sinistra, si supera loc. Biscuggi e, successivamente,  le Case Pezzolo di mezzo. A due ulteriori bivi si procede ancora a sinistra, sino allo sterrato che conduce a Piano Pezzolo.
Qui si prosegue a destra sino ad una casa isolata, superata la quale, ci si immette su un sentiero che, pressochè in piano, si inoltra nel vallone del Rio Baiardetta.
Giunti in località "Gazeu"(palina indicativa), si abbandona il sentiero con segnavia "linea-punto rossi" diretto alla Punta Martin, per  prendere la deviazione sulla destra che si innalza verso le rocce della Baiarda.




Dopo ripido percorso, intervallato da brevi tratti in piano, si arriva  in località "Funtanin", presso un ulteriore bivio.
A sinistra si diparte una variante del Sentiero Frassati per Escursionisti Esperti, con alcuni tratti attrezzati con cavi metallici.
Per l'itinerario escursionistico proposto invece, si segue la traccia di destra che in breve conduce alle vecchie Cave di pietra. (muniti di torcia elettrica si può visitare una vecchia galleria che termina presso un laghetto (quasi asciutto nel periodo estivo).

L'itinerario prosegue oltre sino alla panoramica Roccia Belvedere ed alla successiva Colletta di Termi.
Qui si volta a sinistra, per affrontare ora una lunga salita,  piuttosto ripida, che in alcuni tratti richiede attenzione.
Il percorso, faticoso ma con bellissimi scorci panoramici, transita presso la rocciosa Punta Pietralunga, superata la quale, con successivo breve tratto, raggiunge infine la Cappella della Baiarda (703m), situata in eccezionale posizione dominante.


Itinerario di ritorno

Dalla Cappella, seguendo le indicazioni per Moccio, si scende sul versante di nordest.
Dopo breve tratto,  (malsegnalato, quindi prestare molta attenzione agli sbiaditi segnavia ed agli "ometti" di pietra), occorre deviare a sinistra, tagliando in diagonale sotto il promontorio della Baiarda, sino a intersecare il sentiero con segnavia "quadrato rosso".
Si segue quest'ultimo a destra, che, dopo aver superato un rio (solitamente asciutto), scende lungamente tra radi pini, sino a raggiungere località "Moccio".
Qui, seguendo le indicazioni, si devia sul sentierino di destra che, con alcuni ripidi tratti in discesa, porta nella valletta dove scorre il rio Condotti;  lo attraversa alcune volte sino a terminare presso una costruzione per l'acquedotto.



Qui il sentiero si trasforma in stradello e prosegue con andamento pressochè in piano, con bella vista sulla zona dell'Aquasanta, terminando sull'asfalto della verde Colla di Prà.
Si segue ora la strada asfaltata di destra che in discesa, tra belle villette, si ricongiunge in breve con l'itinerario di andata, seguendo il quale, si fa ritorno al Santuario  di Acquasanta.